Card. Antonio Maria Javierre Ortas, 1988 – 1995

 

A traghettare l’Istituto verso la nuova dimensione di Liberà Università fu il Cardinale spagnolo Antonio María Javierre Ortas. Nato a Siétamo, il 21 febbraio 1921, Javierre Ortas entra nella Società Salesiana nel 1940 e viene ordinato sacerdote nel 1949. Terminati gli studi di teologia, dal 1951 la insegna come professore nel Pontificio Ateneo Salesiano di Torino. Partecipa alla stagione del Concilio Vaticano II come esperto dell’Episcopato spagnolo. Nel 1976 viene ordinato Vescovo e poi diviene Segretario della Congregazione per l’Educazione Cattolica. Il 20 giugno 1988 Giovanni Paolo II lo ha elevato alla dignità cardinalizia e lo ha nominato in data 1° luglio 1988 Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Nel corso della sua presidenza, avallata dal card. Vicario Ugo Poletti, avviene la trasformazione del Magistero in Università, stabilita con il decreto istitutivo. Pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 15 maggio 1989, della Libera Università “Maria SS. Assunta”, la LUMSA. Il Cardinal Javierre Ortas ebbe anche l’onore di accogliere un Presidente della Repubblica italiana. Infatti, il 12 novembre 1992, il neoeletto Presidente Oscar Luigi Scalfaro partecipa alla cerimonia di apertura dell’anno accademico 1992-1993 ed è il primo Capo dello Stato italiano ad essere accolto in Ateneo.

Sotto la presidenza del Cardinal Javierre Ortas la LUMSA si espande: alla originaria Facoltà di Magistero se ne aggiunge quasi subito una in Lettere e Filosofia e poi nel 1995 una terza, in Giurisprudenza nell’anno in cui termina il suo impegno alla LUMSA. Il Card. Antonio María Javierre Ortas è deceduto a Roma il 1° febbraio 2007.