Card. Carlo Furno,1996 – 2007

 

Nato a Bairo (Ivrea) il 2 dicembre 1921 e scomparso a Roma, nel tardo pomeriggio di mercoledì 9 dicembre 2015, Carlo Furno entra nel Seminario di Ivrea e il 25 giugno 1944 viene ordinato sacerdote. Si trasferisce a Roma per conseguire il dottorato in utroque iure al Pontificio seminario Romano. Si dedica ai ruoli diplomatici ed è impegnato nelle nunziature di Colombia, Ecuador e alla Delegazione di Gerusalemme. Approda infine alla Segreteria di Stato nel 1962. Viene ordinato Vescovo 1l 16 settembre 1973. Papa Giovanni Paolo II lo invia come Nunzio apostolico in Libano, in quegli anni Paese provato dai conflitti. Dal 1982 è Nunzio in Brasile, dove rimane per 10 anni per poi essere richiamato a Roma per essere nominato Nunzio apostolico in Italia (1992-1994). È Giovanni Paolo II a crearlo Cardinale nel concistoro del 26 novembre 1994. Il Cardinal Furno ha il singolare privilegio di essere stato un diplomatico al servizio di ben sette pontefici. Furno è stato gran maestro dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (1995-2007). Nel 1996 viene designato Presidente del Consiglio di amministrazione della Università LUMSA dal Card. Vicario Camillo Ruini. Dal 23 maggio 1996 al novembre 1998 è stato delegato pontificio per la Patriarcale Basilica di San Francesco in Assisi (1996-1998). Dal 29 settembre 1997 al 27 maggio 2004 è stato arciprete della Patriarcale Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore (1997-2004).
Sotto la sua presidenza si avviano i corsi in Giurisprudenza e si aprono sedi decentrate a Taranto (1998) e Palermo (1999) e si festeggia il 60° anniversario dalla fondazione dell’Ateneo, con una udienza in Vaticano con Papa Giovanni Paolo II. Anche dopo aver deposto la carica di Presidente nel 2007, il Card. Furno continua ad avere uno stretto legame con l’Università LUMSA impegnandosi costantemente in favore dell’Ateneo e dell’Associazione Luigia Tincani. Un incisivo ricordo del Cardinal Furno lo offre uno scritto del rettore emerito prof. Giuseppe Dalla Torre.