Card. Giovanni Lajolo, 2017 ad oggi

 

La repentina scomparsa del Card. Nicora prelude la nomina di un nuovo Presidente del Consiglio di amministrazione della LUMSA. Il Card. Vicario designa allora un profondo conoscitore dell’Ateneo, il Card. Giovanni Lajolo, che da monsignore era stato nel Cda dal 1988 al 1995 e aveva potuto seguire da vicino i passi per la trasformazione del Magistero in Libera Università.

Giovanni Lajolo, novarese, viene al mondo il 3 gennaio 1935 e matura ancor giovane una vocazione che lo porterà, il 29 aprile 1960 all’ordinazione sacerdotale. Gli studi in Diritto canonico a Monaco di Baviera sono il trampolino per un corso di perfezionamento presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica (1969-1969). Segretario di nunziatura in Germania vi rimane fino al 1974.

La revisione del Concordato tra Italia e santa Sede lo vede impegnato dal 1976 al 1984 come Segretario della Delegazione vaticana. Giovanni Paolo II lo ordina vescovo il 3 ottobre 1988 – nello stesso anno inizia a far Parte del Cda dell’Ateneo LUMSA. Dopo la parentesi alla Nunziatura tedesca, Giovanni Paolo II lo richiama a Roma per diversi incarichi e nel 2006 Mons. Lajolo diventa Presidente del Governatorato della Città del Vaticano, incarico che manterrà anche dopo la nomina a Cardinale, avvenuta per volere di Benedetto XVI il 24 novembre 2007, fino al 2011. Nel 2017 diventa Presidente dal Cda e intitola la Biblioteca Centrale di Ateneo al suo predecessore, il Card. Attilio Nicora, nel corso di una cerimonia cui presenzia insieme al Rettore Bonini. Il Cardinal Lajolo, da Presidente del CdA, ha presentato alla LUMSA due libri di cui è autore: Chi è Gesù (2017) e Racconti evangelici che i Vangeli non raccontano (2018).