Card. Mario Luigi Ciappi, 1977 – 1988

 

Alla scomparsa del Card. Traglia, il Card. Vicario Ugo Poletti, chiama a ricoprire l’incarico di Presidente del Consiglio di amministrazione dell’Istituto il Card. Mario Luigi Ciappi,  elevato alla porpora pochi mesi prima, il 18 giugno 1977, da papa Paolo VI in un concistoro di soli 4 cardinali tra i quali Joseph Ratzinger.

Fiorentino di nascita, Mario Luigi Ciappi vide la luce il 6 ottobre 1909. Entra nel 1925 nella fraternità domenicana. Nel 1932 viene ordinato sacerdote dal Card. Francesco Marchetti Selvaggiani in Laterano, a Roma. Per lunghi anni fu docente al Pontificio Ateneo Angelicum e tra i suoi allievi vi fu il giovane sacerdote polacco Karol Wojtyla. Maestro del Sacro Palazzo dal 1955, Ciappi venne poi insignito del titolo di Teologo della Casa Pontificia (le due cariche coincidono nella funzione di teologo personale del Papa) mantenendo l’incarico dal 1977 al 1989. Durante il suo mandato di presidenza avviene un episodio centrale nella vita dell’Istituto: la prima visita di un pontefice al Magistero “Maria Assunta”. È Giovanni Paolo II, il Papa polacco, a varcare la soglia dell’Istituto dall’ingresso di Borgo Sant’Angelo nella mattinata del 9 marzo 1985, accogliendo di buon grado l’invito delle autorità accademiche. Accolto dal Cardinal Ciappi. insieme ad altre autorità accademiche ed al ministro della Pubblica Istruzione (la senatrice Franca Falcucci), Papa Giovanni Paolo renderà indimenticabile quell’incontro, intrattenendosi a visitare le strutture didattiche e provando personalmente la postazione del Laboratorio linguistico attorniato dalle studentesse festanti.

Il Cardinal Ciappi decede a Roma, ottantaseienne, il 22 aprile 1996.