Cornelio Fabro, 1954 – 1956

 

Al Direttore degli esordi succede padre Cornelio Fabro (Flumignano, 1911 – Roma, 1995). La scelta del Cda ricade su uno studioso, un filosofo può essere annoverato tra i massimi esponenti del pensiero neoscolastico in Italia. Padre  Cornelio Fabro – professo nella Congregazione delle Sacre Stimmate di Nostro Signore Gesù Cristo – assume al contempo la carica di Direttore e di docente, iniziando al “Maria Assunta” un corso di Filosofia teoretica che in seguito tenne anche presso l’Università di Napoli dopo aver vinto un concorso nazionale. La sua direzione al “Maria Assunta” è breve, per il solo biennio 1954-1956, e lo studioso, dopo un periodo presso l’Università cattolica di Milano, torna alla sua attività di ricerca e insegnamento presso il Maria Assunta, dando alle stampe rinomati contributi sul pensiero di Heidegger e Kierkegaard, sul tomismo e su San Tommaso d’Aquino. Negli anni 60 Fabro insegna a Perugia, presso la Facoltà di Magistero, della quale diviene Preside. Le sue ultime produzioni scientifiche sono degli anni 90.